lunedì 30 maggio 2011

MARE...MITOLOGIA...E....SAPORI:PESCATO E COTTO!!!!!

Il mare...misterioso,grande,in continuo movimento,da e toglie,mette paura,luogo di mille battaglie,mezzo di conoscenza di altri mondi....
Sereno e appagato,furioso e violento...
Maestoso....
E cosi' voglio iniziare a descrivervi i miei piatti di mare...
da sempre sono attratta da esso...lo adoro,mi piace guardarlo,il rumore delle onde liberano la mia mente ed il sapor del sale esaltono il mio palato....Lo amo in inverno,quanto in estate,  per me non esistono stagioni per questo grande gigante Blu.

Vivendo in Campania,da noi il pesce ne fa da padrone,e proprio in questi giorni sono stata deliziata dalla cortesia e gentilezza di amici di famiglia che mi hanno regalato delle prelibatezze nostrane....
Infatti hanno pescato polipi e scorfani rossi nella Magica localita' di Nerano "Punta Campanella"....li c'e' il paradiso...ecco alcune immagine(prese da google),giusto per farvi capire il posto...
 
Dalla Punta Campanella,splendido promontorio della penisola sorrentina,sembra quasi toccare la mitica Capri...uno scenario suggestivo....
Come ogni luogo "magico"ci si narrano leggende e miti...Cosi'Punta Campanella diventa sede di una tradizione che localizza sulla penisola sorrentina le Sirene che Ulisse incontro'durante il suo viaggio e dalle quali sarebbe poi sfuggito...Partenope,Leucosia,Ligeia.La leggenda narra che al passaggio di Ulisse,dopo che l'eroe era riuscito a sfuggire e non si era lasciato incantare dal loro canto,esse si precipitarono dagli scogli e i loro corpi caduti in mare vennero trasportati dalle onde in zone diverse:
Partenope arrivo' a Napoli,
Leucosia a Paestum,
Ligeia presso Terina.

Vi chiederete e il pesce????Basta con queste storie....e infatti eccolo Qua....



 E' vero che non ci sono Parole??????
Per il polipo ho pensato di cucinarlo nel modo piu'semplice possibile,proprio per non confondere il gusto...
Ho preso il polipo e l'ho battuto con un mattarello,per rompere la sua"nervatura"poi l'ho adagiato in una pentola con acqua fredda e l'ho portato all'ebollizione.A questo punto,ho abbassato la fiamma e l'ho fatto cuocere per circa 15/20 minuti,senza mai infilzarlo con una posata,altrimenti si indurisce.Ultimata la cottura l'ho lasciato raffreddare (ma non troppo)e l'ho pulito.
Ho pensato di condirlo con un battuto di olio,sale,limone e prezzemolo.Poi ho aggiunto olive verdi dolci e mais.Ho accompagnato con bruschetta di pomodoro e sgombro sott'olio,piu'frittele di fiori di zucchina.
Mi manca la foto dell'insalata di polipo...ma voglio mostrarvi l'impasto delle frittelle di fiori di zucchina...

Passo direttamente alla cottura dello scorfano,tanto brutto a vedersi ,ma tanto buono nel sapore...questo pesce potrebbe ricordarci un detto:mai fidarsi dell'apparenza!!!!!
Mi sono sentita lusingata di portare sulla mia tavola un pesce cosi'importante per sapore e provenienza...
Dopo averlo viscerato,l'ho lavato e fatto colare....
Ho preparato una padella non troppo bassa,con olio siciliano,aglio,peperoncino e ho fatto soffriggere leggermente...
Ho aggiunto un letto di pomodorini Aggiungi didascalia

E fatto soffrigere...

Ho adagiato con delicatezza il mio "scorfano" e ho sfumato il tutto con vino bianco



A cottura ultimata,ho pulito il pesce e l'ho messo su di un piatto....

Ho  cotto la pasta,mezzi paccheri di gragnano,e 5minuti prima della cottura,li ho versato nel guazzetto,dove ho mantecato il tutto...
Un profumo di mare..un sapore altrettanto deciso...


E ora vi presento il San Pietro....
S.Pietro ,perche' questo nome????Si narra che ai tempi del Santo ,una folla di credenti,chiesero a S.Pietro di pescare un pesce con le mani ,essendo un pescatore, e mostrare alla folla la sua santita'.S.Pietro immerse la mano in acqua e il pesce che fu pescato, si coloro'di blu'sulla parte dove erano appoggiate le mani del santo...la folla stupita lo acclamo' e da quel giorno" Il San Pietro" ha dei cerchi blu sul ventre.

Le sue carni sono molto saporite...mi viene da dire,quasi carnose...(Esso non e' stato pescato a Nerano)



L'ho cucinato in un modo molto tradizionale...letto di pomodorini,patate sottili,aglio, olio,prezzemolo.
Eccezionale...e' piaciuto tanto,anche alle mie cucciole....
Buona Vita e buona cucina....




24 commenti:

  1. Che bel post!Che belle foto!Adoro il mare ed il pesce!I tuoi piatti son favolosi!Bravissima,carina!Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Un post meraviglioso, adoro le tue fantastiche ricette!!! Complimenti per tutto tesoro, un bacione

    RispondiElimina
  3. interessantissimo post...
    ricette favolose..bravissima!!
    buona giornata!!

    RispondiElimina
  4. Un post davvero bello, il pesce è squisito.
    Ciao, buona giornata

    RispondiElimina
  5. Post fantastico scorrendo le foto alla fine mi è venuto una gran voglia di mangiare...
    Belle tutte le foto.
    Buona giornata cara Raffaella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. è una gioia per i miei occhi vedere questo bellissimo pesce fresco mi riporta indietro alla mia infanzia :-)

    RispondiElimina
  7. Cosa vedono i miei occhi... una favola!

    RispondiElimina
  8. Delizia queste ricettine!!! Il pesce ha una marcia in più, soprattutto d'estate con un buon vino leggero e frizzante ^_^
    Complimenti!!
    Franci

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, siamo telepatiche, il mare è nei pensieri di entrambe, condivido molto quello che hai detto, chi ama il mare lo ama sempre e comunque e non solo quei tre mesi in estate perchè va in vacanza. Il mare ha un suo richiamo e tu ce l'hai dentro o non ce l'hai. Mi è piaciuta anche la parte mitologica del tuo raccontare, non la conoscevo e ti dirò che queste cose mi affascinano sempre perchè a cavallo tra la storia, la favola e il fantastico.
    Che dire dei pesci....io mangerei polipo un giorno sì e l'altro pure, poi quando si tratta di polipi così freschi, si vede che è stato pescato da poco! di solito lo cuciniamo allo stesso modo, col polipo ci piace andare sul classico, ovvero condendolo come hai fatto tu, eccetto il mais che non uso perchè Luca non lo soffre! Poi lo scorfano....wow, ti confesso che non lo compriamo spesso perchè costa una fortuna qui da noi, ma la sua carne è ottima, eccellente, carnosa, insomma una prelibatezza, idem per il San Pietro. Quel giorno a tavola vi siete davvero concessi il meglio!
    Mi sento in forma anche se ora manca un mese e qualche giorno al lieto evento, anche se la piccola scalcia come non mai e mi ritrovo la pancia sottosopra, ma sono fortunata, niente crampi, niente gonfiori, niente pesantezza alle gambe, almeno finora. Anche il peso è sotto controllo, finora ho messo su 7 chili o poco più, in pratica sono tutta pancia e ovviamente fianchi.
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. Conosco bene questi luoghi incantevoli e come te subisco senza freni il fascino del mare!Ne annuso il profumo,ne seguo il susseguirsi delle onde e da esso mi lascio rassicurare!!E da buona campana,anch'io amo molto il pesce e cara Raffaella tu l'hai cucinato benissimo!!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
  11. bel pesce e bello fresco!e che dire delle foto???un mare spettacolare

    RispondiElimina
  12. Semplicemente meravigliosi questi piattini...Complimenti!
    simona

    RispondiElimina
  13. questi piatti mettono l'acquolina in bocca! Davvero un pescato eccezionale e i tuoi piatti gli hanno reso un omaggio perfetto. Brava

    RispondiElimina
  14. Eh i luoghi fantastici della mia bella terra! Splendido post, brava! Spettacolare lo scorfano rosso, tipico di quei fondali così profondi.
    A presto

    RispondiElimina
  15. Ciao e grz x aver visitato il mio blog! Anche il tuo è pieno di belle ricette ed io adoro il pesce! Complimenti anche x le tue bambine: sono dolcissime!!!

    RispondiElimina
  16. Mamma mia che spettacolooo!! Mi hai fatto venire l'acquolina!! Complimenti! Un bacione.

    RispondiElimina
  17. Accompagnare le ricette con le foto è stata una buona idea. A Venezia il polipo (folpo) si mangia semplicemente lesso, tagliato a pezzetti e marinato in olio, aceto e pezzi di sedano. A parte una brava fotografa devi essere anche una buona cuoca. Buona notte.

    RispondiElimina
  18. Una meraviglia di profumi e sapori!
    E che panorami!
    Ho dei ricordi bellisimi di una gita ad Anacapri dove ho lasciato un pezzettino di cuore.
    Grazie

    RispondiElimina
  19. Ciao, inizio subito col dirti che quelle foto sono stupende, deve essere stupendo vivere quei posti, le foto mi hanno colpito tanto. E anche io amo il mare, ne sono sempre stata incantata e affascinata, e non sai quanto mi piacerebbe vivergli accanto per avere sempre un contatto. Non mangio il pesce, ma gli uomini della famiglia si e posso pienamente dirti che se mai li portassi in tavola uno dei tuoi piatti non ne sarebbero felici ma di più!!! baci

    RispondiElimina
  20. Ciao! purtroppo io e il pesce non andiamo molto d'accordo...in compenso vado mooolto d'accordo con torte delle rose, timballi di tagliatelle, terrine di patate novelle....bellissimo blog!
    Ciao, e grazie di essere passata da me!
    Cinzia

    RispondiElimina
  21. Che meraviglia questo pesce fresco e chissà che profumo quando l'hai cucinato, bravissima e grazie per la visita. Smack

    RispondiElimina
  22. Avevo già letto questo tuo bellissimo post, non riuscivo a commentare e volevo inviarti una mail, ma non c'è il tuo indirizzo...volevo farti i complimenti per il modo sublime per come hai cucinato questi magnifici doni del mare, brava davvero lo scorfano te lo copierò di certo!!! Ottimo anche il San Pietro Mai cucinato con le patate. Li hai proprio rispettati. Grazie a te per tutto e alla prossima...buona settimana. Ciao.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. l'amore per il mare è qualcosa che porto dentro di me da sempre,da quando sono piccolina....starei ore ore a guardarlo,mi rilassa.
    Complimenti per le ricette!!!

    RispondiElimina